il Caffè di Meliadò

9 dicembre 2012

Comune di Reggio, presentato il ricorso

A distanza di due mesi esatti da quando si ebbe notizia ufficiale dello scioglimento del Comune di Reggio Calabria peareniusr contiguità mafiose, il Pdl ha reso noto – 9 dicembre 2012 – d’aver formalizzato la presentazione del ricorso contro lo scioglimento dell’Ente. 

Sarà il caso di ricordare che, dopo il “famoso” invito pubblico a Palazzo Campanella in sede di conferenza stampa da parte del (fin qui) ex sindaco reggino Demy Arena, neanche “da destra” si sono levate le ipotizzate centinaia o migliaia di voci di politici, società civile, semplici cittadini a invocare il ricorso (mentre invece tante sono state le puntualizzazioni su imprecisioni più o meno significative contenute nella relazione stilata dalla Commissione d’accesso).

Ma c’è un quesito ancor più stringente, direi: chi paga?

(more…)

Annunci

21 maggio 2012

Torna in carcere per presunta contiguità al clan Commisso di Siderno l’ex consigliere regionale Cosimo Cherubino

Nuova megaoperazione che scuote dal profondo il nostro territorio per via dei presunti legami tra ‘ndrangheta e politica… Lo si capisce fin dall’evocativo nome tributato alla stessa operazione: La falsa politica. Quindici presunti membri della ‘ndrina sidernese dei Commisso sono stati infatti arrestati nella notte dagli agenti della Squadra mobile della Questura di Reggio Calabria in collaborazione con gli uomini del Commissariato di Siderno e dello stesso Sco, il Servizio centrale operativo della Polizia, in ottemperanza a un mandato del giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria (in accoglimento della conforme richiesta della Direzione distrettuale antimafia reggina). E tra gli arrestati ci sono alcuni nomi “eccellenti” della politica calabrese…

(more…)

14 dicembre 2010

Fini perde la sua partita-della-vita

Con il “sì” alla sfiducia di Paolo Guzzanti (Misto, incerto fino all’ultimo) e il “no” delle ‘futuriste’ Catia Polidori e Maria Grazia Siliquini – tra le adesioni più incerte alla vigilia -, anche a Montecitorio, oltre che a Palazzo Madama, il governo Berlusconi ha conservato la fiducia.

Tra le altre manifestazioni a supporto dell’esecutivo l’ex pd Calearo, Cesario e Scilipoti; l’ex presidente della Provincia di Roma Silvano Moffa (Fli) non s’è invece presentato alla seconda ‘chiama’.

Su 625 voti validi 314 le preferenze a favore del Governo, 311 i voti contrari. Salvi “colpi di coda”, il Governo resta in sella: ha i numeri per farlo.

Micidiali le manifestazioni d’esultanza da parte del centrodestra “pro-Berlusconi”: applausi come al Maracanà, il canto corale dell’Inno di Mameli (incredibile a dirsi!, anche da parte dei “nordisti” della Lega di Umberto Bossi…) e l’urlo a squarciagola “dimissioni, dimissioni” da parte dei sostenitori del premier. Ed è chiaro che, per Silvio Berlusconi, il Governo centrale deve custodire la propria identità senza soluzioni di continuità, avesse vinto anche per un solo voto: e infatti, deve far riflettere che perfino in un momento del genere l’inquilino di Palazzo Chigi – pur prevalendo sui fautori di un possibile Terzo Polo a matrice neocentrista – non è andato oltre i 314 consensi (dunque, meno della stessa maggioranza assoluta a Montecitorio, di 316 voti sul complesso dei 630 deputati).

Per altro verso, Gianfranco Fini deve senz’altro ringraziare le tre parlamentari in gravidanza, dalla sua “fedelissima” Giulia Bongiorno alla piddina Federica Mogherini, che sono giunte tutt’e tre in aula benché gestanti e non da pochi mesi (hanno votato per prime, in modo da poter abbandonare Montecitorio rapidamente, proprio in considerazione delle loro condizioni di salute). Non si fossero presentate, anziché di tre voti il differenziale tra “no” alla sfiducia e “sì” alla sfiducia sarebbe stato almeno il doppio (6, appunto), senza contare che l’assenza delle tre avrebbe potuto psicologicamente motivare gli incerti a far pendere l’ago della bilancia a favore di Silvio Berlusconi (a quel punto, già certo vincitore). Resta il fatto che diversi, tra i “fiellìni”, non hanno votato secondo le indicazioni finiane.

Dettaglio non irrilevante: alla vigilia del voto di fiducia, in particolare a Montecitorio (a Palazzo Madama tutti davano per ampi i margini a favore del Governo, che in effetti ha riscosso la maggioranza assoluta in Senato), Fini aveva annunciato che, in caso di fiducia a favore del governo Berlusconi con un margine di almeno 10 voti rispetto ai voti di sfiducia, avrebbe lasciato la postazione di Presidente della Camera dei deputati e fors’anche la guida della pur nascente Futuro e libertà.

27 settembre 2010

Incredibile, ma Pdl. Cioè, più vero del vero; come sempre…

Quanti abitanti ha, la città di Reggio Calabria? Circa 180mila? Beh… sarete felici di sapere che dalla “A” di Alvaro alla “Z” di Zumbo gli iscritti al Popolo della libertà sono ben, ben, ben 61.

<…forse, 61mila!>, mi correggerete voi al volo, ben sapendo che stiamo parlando del più grande partito d’Italia; del partito che esprime il sindaco e il presidente della Giunta regionale; soprattutto, del partito che alle comunali 2007 stravinse col 70% dei suffragi e nel marzo scorso ha ri-stravinto alle Regionali, col regginissimo Peppe Scopelliti a “stracciare” l’uscente Agazio Loiero infliggendogli un amarissimo distacco di ben 25 punti percentuali…

….e invece no: 61. 6-1, poco più di sessanta adepti su 180mila abitanti, stando all’elenco delle domande d’iscrizione (aggiornato al 26 settembre scorso, per la cronaca: era giusto ieri).

Ma il meglio, deve ancora arrivare!

…Andiamo a guardare livello per livello (diremmo: “casa per casa”…) tra dirigenti ed eletti (soprattutto) del partito del premier. Chi ha in tasca una tessera del Pdl?

PARLAMENTO. Per deputati e senatori va chiarito un dato: sono tutti iscritti. Ma nessun nome, dallo stesso Foti fino all’ex sottosegretario alla Giustizia Peppino Valentino, compare nell’elenco telematico di cui abbiamo estratto copia: perché, vedete, deputati e senatori sono registrati in uno speciale elenco custodito nella Capitale, in quanto – oltre a versare una cospicua somma per l’iscrizione in sé – sono tenuti a versare al partito pure una quota mensile dell’indennità. Tra Montecitorio e Palazzo Madama, dunque, possiamo tirare un sospiro di sollievo!, nessuna defezione per quanto riguarda i rappresentanti reggini.

REGIONE. E la Regione? Beh, intanto i Presidenti di Regione versano una superquota d’iscrizione da mille euro. E… tranquilli!, il nome di Peppe Scopelliti nell’elenco c’è!; il presidente e coordinatore regionale del Pdl – almeno lui!! – è tra i “mitici” 61.

Poi, però, ci sono assessori e consiglieri regionali… e qui, credeteci, iniziano dolori che neppure avete l’idea.

Guardiamo dentro la Giunta.

A Palazzo Alemanni, non ci pare opportuno discettare sull’appartenenza o meno al Pdl dell’assessore all’Internazionalizzazione poiché Fabrizio Capua è stato ‘reclutato’ da assessore esterno e, principalmente, quale giovane imprenditore di grande successo.

L’unico assessore ‘ordinario’ reggino però è proprio del Pdl: si tratta di Antonio Caridi, e l’oggi assessore regionale alle Attività produttive (ieri, per 8 anni assessore comunale all’Ambiente) è regolarmente in possesso della tessera del Popolo della libertà.

E’ reggino anche uno dei sottosegretari, quello alla Presidenza con delega alle Riforme: l’ex-aennino Alberto Sarra, rincuorerà saperlo, a dispetto delle voci che lo vedono assai vicino di volta in volta a “Italiani nel mondo” (era presidente onorario del Cdc la cui campagna elettorale fu “tenuta a battesimo” dallo stesso leader nazionale di Inm, l’ex giornalista Sergio Di Gregorio) o a Noi Sud (innumerevoli le iniziative pubbliche degli autonomisti cui Sarra ha presenziato, in particolare quando ancora reggeva il fronte ‘unitario’ con l’ex ministro di An Adriana Poli Bortone), invece a tutt’oggi ha in tasca la tessera del Pdl.

E a Palazzo Campanella? Distingueremo, responsabilmente, tra chi appartiene al gruppo consiliare del Pdl e chi a quello denominato “Scopelliti Presidente”; non senza aver ricordato al ricco e al povero, al colto e all’ignorante che Scopelliti Presidente fa riferimento già nella “ragione sociale” al coordinatore pidiellino in Calabria e, al di là della sua matrice di movimento in grado di “andare oltre” il Pdl coinvolgendo “anche” non-iscritti, certamente raccoglie una fetta di pidiellini “più realisti del re”, non ultimi tanti che del ‘Peppe nazionale’ sono stati collaboratori strettissimi o addirittura suoi assessori al Comune di Reggio.

Nel Pdl, si può ben esultare constatando che almeno NICOLO’ Sandro – cioè, l’attuale vicepresidente di maggioranza del Consiglio regionale – è regolarmente un tesserato del partito. Molto bene.

Idem per il referente dell’area giovanardiana NUCERA Giovanni (anche lui nell’Ufficio di Presidenza a Palazzo Campanella, quale consigliere-questore): tutto ok, iscrizione in regola.

Dentro Scopelliti Presidente, in ordine alfabetico BILARDI Giovanni non è iscritto al Pdl: ed è il capogruppo!, oltre a essere stato per anni assessore comunale scopellitiano.

E IMBALZANO Candeloro? No!, sorprendentemente non ha in tasca una tessera del Pdl neppure l’ex assessore comunale (per 8 anni) alle Attività produttive di Scopelliti, oggi consigliere regionale del movimento guidato su scala calabrese da Mario Caligiuri. Certo, direte voi, era a capo del movimento “Area dello Stretto”… sì, ma poi c’è stato un gruppo consiliare che si denominò ambiziosamente “Area dello Stretto verso il Pdl”, a segnalare come eletti dirigenti e quadri di quell’organizzazione stessero confluendo dentro il Popolo della libertà e, poi, ci fu un effettivo materiale assorbimento dentro il Pdl. Ma il bancario-consigliere regionale no, non è un iscritto pidiellino.

PROVINCIA. A Palazzo Foti (giunta di centrosinistra, tra gli assessori non è il caso di guardare), in seno alla minoranza si contano …… consiglieri reggini. Vediamo caso per caso.

CANANZI Francesco, “vecchia roccia” dell’An che fu e antica conoscenza della Provincia al punto da essere stato più volte tirato in ballo come potenziale candidato pidiellino alla Presidenza, clamorosamente non è iscritto al partito. E questo dopo anni e anni di militanza nell’Alleanza nazionale che fu: basti pensare che Cananzi era nel listino di Sergio Abramo alle Regionali 2005 ed è stato pure candidato in alcune competizioni elettorali nelle liste…. del Popolo della libertà, salvo non esservi iscritto!

ERACLINI Peppe (o, se preferite, Carmelo Giuseppe) è invece regolarmente iscritto, così come EROI Antonio.

Tesserato pure PORCINO Bruno.

COMUNE. Qui, si sa, il centrodestra è al governo della città. E il Popolo della libertà fa – a dir poco – la “parte del leone”.

Pidiellino è il sindaco Peppe Raffa, regolarmente iscritto al partito.

Del Pdl sono (…sarebbero…) pure ben 10 assessori su 13. Tolti infatti un membro del Pri e uno dell’Udc, dopo il recente rimpasto 9 sono stati ri-nominati in quota Pdl… e dando un occhio alla lista, c’è solo da sganasciarsi dalle risate!

Solito elenco alfabetico, solito cognome a precedere il nome… e vediamo.

ANGHELONE Paolo: non iscritto (ed è già il secondo, a far capo all’ex movimento “Area dello Stretto”, a essere “pidiellino ma non troppo”). CANALE Amedeo: micidialmente non tesserato! E qui la cosa è veramente pazzesca: perché Canale non solo è assessore scopellitiano da anni (prima alla Pubblica istruzione, poi alla Polizia municipale), ma è pure fondatore e presidente di Formula Sud (main sponsor: il portavoce nazionale del Pdl Daniele Capezzone!!!), nonché il più quotato tra i “papabili” per la presidenza della Provincia…. ovviamente, come candidato del Pdl, al quale però non risulta iscritto!!!! MINASI Tilde: l’unico assessore-donna della giunta Raffa ha nel portafoglio la tessera del Popolo della libertà. PLUTINO Pino: niente iscrizione. RASO Michele: gli 8 anni da assessore e un’incrollabile fede scopellitiana (al punto dapprima da indurlo a candidarsi nella lista Scopelliti Presidente alle ultime Regionali, poi da convincere lo stesso Governatore a premere fortissimamente affinché anche lui fosse recuperato in giunta dal suo ex vicesindaco e successore Raffa) non son bastati a fargli scucire i 150 euro necessari per iscriversi al partito. Evvabbè. SARICA Franco, area alemanniana, è invece un tesserato del Pdl. SIDARI Enzo, il profeta del cosiddetto “modello Reggio” quanto all’abbinata vincente turismo&spettacolo, manco a dirsi!, a sua volta non è formalmente uno del Pdl. VECCHIO Sebastiano, forse per le lusinghe non solo recenti di soggetti moderati come l’Udc…, in atto non è certo tra gli iscritti al partito. ZITO Pasquale, invece, lui sì: la tessera del Popolo della libertà ce l’ha.

Poi ci sarebbero i due di stretta fiducia del sindaco: di uno – CAPUA Pino – si sa che è un antico amico e consulente del sindaco di Roma Gianni Alemanno; l’altro assessore nominato non in quota a un partito bensì su base fiduciaria, GATTO Paolo, è un consigliere ex-an di vecchissima data. E, clamoroso!, perfino Gatto è iscritto al Pdl: la cosa è degna di rilievo perché, nel corso della recente crisi al Comune, il coordinatore cittadino Luigi Tuccio aveva promesso d’espellerlo dal partito…. salvo scoprire che NON vi era iscritto! E allora, com’è che nell’elenco il nome dell’assessore comunale alla Manutenzione compare regolarmente? Semplice: quando disse di non essere iscritto al Pdl, non vi era iscritto, ma il primo settembre scorso – a dispetto del suo professarsi di Generazione Italia e, sostanzialmente, “finiano”: dunque, si supporrebbe, facente capo non al Pdl bensì a Futuro e libertà – Gatto ha deciso di tornare a casabase e ha preso appunto la tessera del Pdl.

……Cose da Reggio Calabria.

Comunque, prendiamo il pallottoliere e contiamo (tralasciando gli assessori su base fiduciaria, per motivi di opportunità): su 9 assessori nominati in quota-Pdl, solo 3 sono effettivamente iscritti al partito. Il 66% dei componenti della giunta di centrodestra a prevalenza pidiellina, guidata da un sindaco pidiellino con un predecessore pidiellino, in una regione in cui c’è un Governatore reggino e pidiellino che è stato fino a pochi mesi fa il sindaco pidiellino della città, NON è iscritto al partito di riferimento.

Bah.

……Cose da “modello Reggio”.

Ah, a proposito: non possiamo omettere la “chicca” di Antonella Freno, superscopellitiana simpatizzante (e probabile prossima candidata) del movimento Scopelliti Presidente, “caduta” dopo mille resistenze sull’altare dell’ultimo rimpasto… ritenuta un po’ il simbolo della gestione-Scopelliti per via dei Grandi eventi e delle politiche in materia di beni culturali… be’, inutile aggiungere altro: neppure la Freno ha la tessera del Pdl.

E in Assemblea?

Il Consiglio comunale dove si annida una bestiale “cortina di ferro” pidiellina, con un gruppo consiliare mastodontico (24 consiglieri pidiellini su 40!, 24 sui 29 dell’intera maggioranza di centrodestra!), pullulerà d’iscritti al partito……..

…..o no???

Partiamo per un’altra bella perlustrazione. Cognome per cognome sarebbe troppo lungo… stavolta parleremo di numeri e di casi eclatanti.

AGLIANO Peppe, una vita da fedelissimo del governatore Scopelliti (è anche nella sua struttura alla Regione Calabria), suo primissimo baluardo in campagna elettorale, ebbene, neanche lui ha la tessera del partito. Ha invece la tessera MARCIANO’ Michele, protagonista di estenuanti intercettazioni telefoniche intorno alle gesta politiche di personaggi rivelatisi ‘ndranghetisti o vicinissimi alla “Santa”. Assurdo ma reale, in una delle città più pidielline d’Italia quanto a consensi e rappresentanti in Consiglio comunale, lo stesso capogruppo a Palazzo San Giorgio NICOLO’ Nino (per inciso, nominato “coordinatore dei primari” agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria non molte settimane fa) non ha assolutamente in tasca la tessera del partito, al 26 settembre ultimo scorso.

Non è iscritto, e qui siamo alla fantapolitica – non ci crederei mai, se non avessi davanti l’elenco dei tesserati al Pdl – neppure ROMEO Daniele, cioè il ‘segretario particolare’ del governatore Peppe Scopelliti, che ha seguito l’ex sindaco fin dalla campagna elettorale per le Regionali in ogni sua mossa e insieme a SCARFONE Beniamino – ovviamente, a sua volta non in possesso di tessera pidiellina – leader regionale in Calabria di Azione giovani prima e della Giovine Italia poi (i movimenti giovanili coagulatisi rispettivamente attorno ad An e poi attorno al Pdl).

Addirittura commovente, poi, l’attaccamento al partito di chi è consigliere da pochi giorni o pochi mesi: tra Pangallo, Polimeni e Tomasello (ovvero i tre subentrati ai tre neoassessori a loro volta subentrati, nel “Raffa uno”, a chi aveva spiccato il volo verso il Consiglio regionale) e la “new entry” Roscitano (che è poi un ritorno, per l’ex consigliere tornato a Palazzo di città in seguito alla cooptazione di Gatto nel “Raffa ter”), NESSUNO è iscritto al partito.

Andiamo a far di conto: su 24 consiglieri iscritti al gruppo consiliare del Pdl, 17 (ossia il 70,8%) NON lo sono guardando all’elenco degli iscritti al partito.

CIRCOSCRIZIONI. Sono 7 i presidenti pidiellini su 15 Circoscrizioni e un’ottantina i consiglieri: ma come si vede già dai numeri, impossibile siano tutt’e 87 iscritti al partito, se i tesserati in tutta la città globalmente sono 61……

…..E infatti ALTOBRUNO Peppe (presidente circ. 1 “Centro storico”), MELISSARI Rosanna (due mandati da presidente circ. 2 “Salita Zerbi-Eremo-Tremulini” ma, se è per questo, anche coordinatrice dei 15 presidenti di Circoscrizione), SCOPELLITI Diego (presidente circ. 3 “Santa Caterina-Vito-San Brunello”), CARIDI Bruno (presidente circ. 7 “Modena-S. Sperato”), LEO Vincenzo Roberto (presidente circ. 10 “Archi”), FOTIA Roberto (presidente circ. 12 “Cataforio-Mosorrofa-Cannavò”), MARINO Demetrio (presidente circ. 14 “Gallina-Arangea”, in teoria sostanzialmente pidiellino benché eletto per la lista di centrodestra “Popolari europei per la libertà”), PASSALACQUA Aldo (presidente circ. 15 “Pellaro” protagonista di una bella piroetta dal centrosinistra al centrodestra, benché formalmente eletto per la civica “Il Gabbiano”) NON sono iscritti al Popolo della libertà. In termini numerici, sono 8 su 10, ovvero un tracimante 80% di Presidenti pidiellini non-tesserati: e gli unici due a esserlo, EROI ed ERACLINI, “dovrebbero” esserlo comunque in quanto “anche” consiglieri provinciali (sempre per il Pdl).

COORDINAMENTO GRANDE CITTA’. Potevano essere esenti da simpatiche defezioni i dirigenti, insomma gli “alti papaveri” sebbene non eletti a chissà quale soglio istituzionale? Certo che no……

Tanto per cominciare, il coordinatore Grande città (cioè di rango comunale, di Reggio Calabria “Città metropolitana”) Luigi Tuccio è sì iscritto al partito ma, a quanto pare, solo dal 13 maggio scorso. ….E prima?

Per il resto, aggiungiamo soltanto (per carità di patria) che due dei 4 vicepresidenti dell’organismo, cioè Franco Germanò (incidenter tantum anche presidente di una società mista del Comune, la Recasi) e Aldo Porcelli (anche presidente del movimento “Reggio Futura”), non sono assolutamente iscritti al partito cui dovrebbero contribuire a dare l’indirizzo nella città del sindaco pidiellino Raffa e del Governatore pidiellino Scopelliti.

Che altro dire???

Sessantuno iscritti su 180mila abitanti significa che i coordinatori comunale e provinciale (Luigi Tuccio e il deputato Nino Foti rispettivamente) dovrebbero, a nostro modesto avviso, presentare dimissioni immediate: il primo, in particolare, per competenza territoriale (guida del coordinamento Grande città: una grandecittà da 61 iscritti, appunto).

E in termini percentuali – che forse rendono meglio questa “Waterloo del tesseramento” –, se proprio volete saperlo, i reggini iscritti al Pdl sono esattamente lo 0,033% della cittadinanza: in altre parole, hanno scelto il partito di Silvio Berlusconi ben 3 cittadini di Reggio Calabria ogni 10mila.

Forse è meglio finire qui.

18 settembre 2010

Pd, -5 al commissariamento nelle province. Pdl, Totò Caridi per Reggio?

Aspettiamoci smentite….. Tuttavia, adesso della volontà del commissario regionale Adriano Musi di chiedere al “numero 1” dei garanti del Partito democratico, Luigi Berlinguer, il subcommissariamento anche per alcune (o tutte?) le province calabresi si sa anche la probabile data: mettiamoci un bel condizionale – oltre ai riscontri incrociati che, lo diciamo per ogni eventuale <lezione di giornalismo> fosse impellente impartire da parte di chiunque, già abbiamo ovviamente incamerato sul punto – l’incontro avverrebbe giovedì 23 settembre e, salve novità, per Reggio Calabria e Catanzaro in particolare , “non c’è salvezza”, asserisce qualcuno.

Ripetiamo, come già s’era detto: il punto interrogativo attiene più che altro a Crotone, dove il segretario provinciale è quel Francesco Sulla – ex assessore regionale alle Attività produttive e attuale consigliere regionale-questore di minoranza – che fin qui parrebbe tra i “recuperabili”. A patto ovviamente di essere tra quanti, già all’interno del movimento “A testa alta per la Calabria”, riterranno di non seguire Peppe Bova fuori dal partito e nell’avventura, che pure elettoralmente pare imminente, dei Riformisti democratici per la Calabria: in caso contrario, il “cartellino rosso” pare già pronto.

Oh, a proposito d’espulsioni… Il discorso si fa importante, perché dopo il nugolo d’amministratori pubblici più o meno importanti, tra il Catanzarese e il Cosentino, che hanno invocato la clemenza di Musi (o meglio degli organi deputati a formalizzare l’espulsione dal Partito democratico) per l’ex viceGovernatore Nicola Adamo, in questi giorni s’è notato che anche rispetto a Bova qualche voce, incluso qualche consigliere comunale piddino (Frank Benedetto, da ultimo un ex “boviano-di-ferro” come Gianni Minniti) ha suggerito di non gettare il bambino con l’acqua sporca. Peccato che (absit iniuria verbis), come ha illustrato molto molto bene in un intervento al curaro nientemeno che il “ribelle dei ribelli”, Walter Veltroni (dunque la sua non poteva essere una censura a Bova che si ribella a Roma, considerato che a Pierluigi Bersani si sta ribellando lui stesso che ne fu predecessore al timone dei dèmocrat), una buona fetta di partito ritenga che “l’acqua sporca” (o la <statua di sale>: fate voi) sia proprio quel che altri ritengono “il bambino”; e viceversa…

A ogni buon conto. L’intervento di Gianni Minniti è a nostro avviso doppiamente importante. Perché da un lato abradedetto da un “compagno di strada”, oltre che da un vecchio “compagno”, crediamo sia più importante rispetto ad altre voci talora legittimamente interessate – ogni residuo possibile convincimento di Peppe Strangio di poter restare nella propria postazione di segretario del Pd reggino. In altre parole: se anche mai la Federazione reggina alla fine di tortuosi e inesplorabili percorsi non venisse commissariata (ne dubitiamo assai), i consiglieri comunali non lo vogliono lì perché, indipendentemente dal valore dell’ex capogabinetto dell’allora presidente del Consiglio regionale Bova, lasciarlo in quella postazione equivarrebbe tragicamente a “ripetere gli errori del passato, quelli che hanno accelerato processi di stillicidio interno al partito a Reggio e nella sua provincia”. Ma soprattutto, dall’altro lato la missiva del consigliere Minniti va al nocciolo della questione che, oggi, il Pd si trova davanti. Fa capire senza remore che un conto è la normalizzazione del partito, un conto è stupire tutti attraverso un ampio coinvolgimento della società civile e altri “colpi di tacco” più o meno mediatici, un conto è la selezione del personale politico (per esempio attraverso le Primarie, che il commissario Adriano Musi vuole fortemente per ogni carica apicale)… tutt’altro conto è vincere una competizione elettorale.

Questo lo sanno tutti, già; eppure, questo è il nodo.

Il centrodestra, per esempio, sa che in teoria il Comune di Reggio Calabria è un Ente “AAA”: tripla A, praticamente impossibile da perdere nelle valutazioni dei sondaggisti e degli analisti di settore, come certi collegi alle Politiche ai tempi del maggioritario uninominale (che, se tornasse…. a fronte del incarnato dal “Porcellum” ovvero dall’eventualità di un proporzionale puro rivendicato da molti che riproietterebbe largamente il Paese verso l’ingovernabilità… beh, se tornasse non sarebbe poi così male: o no?). Ora, le spaccature del centrodestra lasciano ipotizzare che alcuni nomi, per esempio di “fedelissimi scopellitiani” (Franco Zoccali, Demy Arena), siano difficilmente compatibili con l’iceberg elettorale che c’è di fronte: la coalizione di centrodestra, se vuole vincere con certezza, deve vincere al primo turno. Perché se si va sotto il 50,1% dei voti validi, sinceramente, con tutto quel che è accaduto all’interno del Popolo della libertà e le frizioni con diversi alleati e una città che – una tantum! – sente palpabile la pressione del crimine organizzato su di sé e sui Palazzi, al ballottaggio potrebbe accadere davvero ogni cosa.

“Quindi”, serve un macinavoti di primissima scelta. E guardando indietro, alle Regionali del marzo scorso: chi, se non l’attuale assessore regionale alle Attività produttive Antonio Caridi?

Caridi, più che ex-udc diremmo ex-ccd (e ben lo prova l’appartenenza al gruppo di Pino Galati dei Popolari Europei poi confluito nel Pdl, area che oggi vanta vari consiglieri regionali e ben due assessori, cioè appunto Caridi e il catanzarese Mimmo Tallini), “sa come si fa”. Dal punto di vista della canalizzazione del consenso, del coinvolgimento di un’area vasta della coalizione e del provare a marciare compatti verso un muro difficilissimo da scalare: oltre metà dei consensi disponibili in città sul suo nome. Non mancano, in verità, consistenti riserve: è evidente che dopo tutto quel che è successo neppure Mazinga potrebbe scartare senza danni tutto quello che Peppe Raffa e gli elementi a lui vicini rappresentano, né certi problemini ben noti alla base del Pdl che il sindaco facente funzioni e il suo tortuoso percorso recente hanno semplicemente messo a nudo (come spiegare, altrimenti, gli asperrimi contrasti assessori-consiglieri sulla nobilissima questione delle ….deleghe consiliari?).  E poi, proprio in casa-Pdl, sono in tanti a mormorare che, un giorno dopo l’elezione, con Totò Caridi sindaco la città potrebbe conoscere una pagina amministrativa non memorabile: abbiano ragione o meno, l’esistenza (e insistenza) di considerazioni di questo tipo è un altro fattore che chi sceglierà il candidato e il diretto interessato, a tempo debito, dovranno valutare con attenzione.

Ci sarebbe un’altra carta più che spendibile: il leader nazionale del Pri Franco Nucara.

Dal punto di vista della qualità, riteniamo ci sarebbe veramente poco da ridire su un nome come quello dell’ex ministro junior all’Ambiente. Certo però adesso sul suo nome pesa negativamente (così come, in caso di successo, avrebbe pesato assai e in positivo) l’aborto del gruppo parlamentare dei “responsabili”; per non parlare delle critiche giuntegli dall’interno del suo stesso pur “micro”partito (basterà per tutti Giorgio La Malfa: “E’ una vergogna”, con Nucara a rintuzzare, senza mai nominarlo: “Per me, è più vergognoso aver appoggiato uno come Prodi”). Soprattutto, è agevole identificarlo come il “ragionatore”, un kingmaker abile e intelligente; meno, come il trascinatore elettorale in grado di convincere 100mila persone che scegliere lui sarebbe un buon contratto per il futuro di Reggio Calabria.

5 maggio 2010

Dardi avvelenati nel Pd

Il segretario calabrese dell’Udc Franco Talarico è appena stato eletto presidente del Consiglio regionale coi voti della maggioranza di centrodestra (più due dell’opposizione non meglio precisati, per la verità…). Insieme al politico lametino, eletti i vicepresidenti dell’Assemblea Sandro Nicolò (Pdl) e Pierino Amato (Pd) e i consiglieri-questori Gianni Nucera (Pdl) e Francesco Sulla (Pd).

La giornata però rimarrà impressa nell’agenda della politica più che altro per la frattura tremenda – francamente nell’aria già da molto tempo, ma in queste ore ‘finalmente’ formalizzata – all’interno del Partito democratico: i gruppi consiliari d’area, a Palazzo Campanella, saranno non uno ma due, quello ‘ufficiale’ piddino e quello di Autonomia e Diritti.

Quest’ultima scelta si rivela – almeno agli occhi dei neofiti della politica… – per più versi criptica: i “loieriani” (sono i 4 eletti della lista-bandiera che sorse attorno, per volontà e su impulso del presidente uscente Agazio Loiero) decidono infatti di adottare un comportamento del tutto differente da quello, almeno pubblicamente, adottato dal loro stesso (ex?) conducatòr.

La linea è: ci piacerebbe poter stare dentro un gruppo unico del Pd, ma “non possiamo” per “rispetto” dei 75mila calabresi che hanno votato Autonomia e Diritti anziché Pd, un <simbolo neutro>, consegnando all’Assemblea ben 4 consiglieri regionali. E aggiunge Ottavio Bruni (già fedelissimo di Loiero da Presidente della Provincia di Vibo Valentia; nel Pdm; quale parlamentare ‘in pectore’ salvo poi non essere candidato per la ‘fronda’ antiloieriana, infine quale capogabinetto del Governatore uscente negli ultimi mesi della consiliatura precedente…): <La vera amarezza per me sarebbe non poter più condividere scelte e percorsi con Loiero… Speriamo di poter percorrere insieme un altro tratto di strada: ma questo dipende da lui, non da me>.

Dire che frasi del genere preludono a un allontanamento dal Partito democratico alla velocità della luce è ancora poco. Gli scismi sono dietro l’angolo… e la cosa più incredibile è che – a dispetto d’incavolature ‘di facciata’ – che l’ex ministro in realtà ne sia artefice o almeno fomentatore è più che un sospetto. Resta un dato, sottolineato con grande tristezza giusto 48 ore dall’ex vice di Loiero in Giunta regionale, Nicola Adamo: a tutt’oggi, l’errore vero (al di là della nettissima sconfitta elettorale) per il Pd pare l’aver accettato che alla platea di cittadini-elettori fossero presentati, in quota piddina, anche altri simboli (c’è chi, nel conto, piazza anche la ‘professorale’ Slega la Calabria) sapendo molto molto bene quale fosse il rischio finale. Puntualmente diventato realtà, anzi: politica tribale.

25 aprile 2010

Come le ‘ndrine scalano il Duomo

La ‘ndrangheta, fenomeno internazionale. L’associazione mafiosa più potente del mondo, come in varie riprese evidenziato da magistrati ‘in prima linea’ (vedi il procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria Nicola Gratteri).

Ma, per intanto, fenomeno non locale bensì autenticamente nazionale: ecco un interessante resoconto sull’assedio Risiko-style a Milano & dintorni….

Blog su WordPress.com.