il Caffè di Meliadò

9 maggio 2010

L’imbarbarimento della crisi del Pd calabrese? Chiedere a Bersani, please…

 <…L’unico atto di responsabilita’, in particolare da parte di chi ha avuto ruoli di primo piano in questi anni nella politica regionale e nella direzione del partito sarebbe quello di fare un passo indietro e di non riproporsi in ruoli di direzione>. Così Mimmo Bevacqua, vicepresidente della giunta Oliverio che guida l’Amministrazione provinciale di Cosenza, per la verità a sua volta candidato alle ultime controverse Regionali.

Secondo il politico piddino d’estrazione rutelliana, <il primo messaggio che bisogna mandare ai cittadini> riguarda la <capacità di mettere in campo un nuovo progetto di crescita della Calabria ed una classe dirigente libera da vecchi vizi, che tanto danno hanno prodotto>.

Dunque, commissariamento del Partito democratico calabrese sì!, secondo Bevacqua. Perché, semplicemente, il ricorso a <personaggi ampiamente sperimentati e conosciuti> (non sarà difficile ipotizzarne nomi & cognomi) <in funzione ed in ruoli di responsabilità in questi anni in Calabria sarebbe davvero disastroso>.

 …Sarà vero? Mah.

Resta la grande perplessità: da un lato c’è chi ritiene sempre valido l’antico brocardo medice, cura te ipsum. Dall’altro, esiste però un ampio – potenzialmente enorme – popolo dèmocrat che ne ha piene le tasche di cencellismo, dietrologie, guerre di finta-avanguardia combattute, possibilmente, dopo aver perso tutte le battaglie intermedie in seguito a tattiche maldestre e dagli esiti disastrosi.

 Una cosa, certo, va chiarita fin d’ora.

Rispetto a un eventuale imminente commissariamento, il corpaccione della base piddina non pensa proprio a certi ‘alti papaveri’ – diciamo così –trapiantati chi a Catanzaro, chi a Roma per prendere le redini del Pd e affossarlo definitivamente

Anche se i commissariamenti difficilmente fanno bene a un soggetto politico (ed extrapolitico, se è per questo), come evidenziato nei giorni scorsi dal presidente regionale pd Pino Caminiti, questo è il momento per sfoderare un minimo di decisionismo da parte di quella segreteria Bersani che, dopo aver vinto e stravinto la disputa congressuale sul territorio calabrese (in modo francamente vergognoso, per il convergere sul suo nome di personalità che prima e, come s’è visto, anche adesso invece si stavano scannando, gettando il partito alle ortiche), ha incarnato una delle più clamorose, plastiche rappresentazioni di leadership imbelle dal dopoguerra, coi risultati ben noti.

Come sempre, la storia non si fa con i ‘se’.

Però è stuzzicante, ipotizzare cosa sarebbe potuto accadere nella Calabria-ai-tempi-di-Scopelliti se Pierluigi Bersani, sostanziale ‘dominus’ del partito a vocazione maggioritaria nel centrosinistra, invece di fregarsene altamente e promettere <i conti in Calabria li faremo dopo le elezioni> a seguito delle assurde scintille tra ‘big’ piddini come Agazio Loiero e Peppe Bova, avesse preso in mano le redini della questione schiodandone le amabili terga dalle rispettive postazioni, istituzionali e di partito senza alcuna differenza.

Secondo una buona fetta della base piddina oggi, probabilmente, dovrebbe farlo. Tardivamente.

20 luglio 2009

Il Pd e i suoi mille guai. Prendiamone “uno”…… Mario Meliadò intervista Mario Adinolfi, candidato alla segreteria nazionale (4 – ultimo)

(QUATTRO – segue)

Occuparsi della mozione-Adinolfi è impossibile, senza occuparsi anche della tessera al blogger, comico, fondatore di liste civiche etc. etc…. Beppe Grillo.

Tu sei favorevole a concedergliela. Io però ho scolpite in mente le parole – ancora – di Debora Serracchiani: caro Beppe, sei pronto a sposare storie, personaggi, intenti di questo partito?

Senza contare che se la stessa risposta la si pretendesse (seriamente) da tanti dirigenti locali, si eviterebbe forse di leggere poi d’inchieste devastanti, di trasmigrazioni-adinolfi11shock e così via…

<Ma sì, è chiaro che io sogno un partito “aperto”. Non è un caso che la mia mozione abbia per motto “Tutti dentro”: tutti inclusi, senza ostracismi di sorta. Dunque, neanche per Grillo. Però a lui, nei miei vari appelli, l’ho detto chiaro: vieni nel Pd solo se non è una “grillata”, solo se vieni per restare indipendentemente dalla leadership e, se corri alle Primarie, qualunque sia il risultato che otterrai… Ricapitolando, non posso immaginarmi un partito “gonfiato” da centinaia di migliaia d’iscrizioni fasulle e che poi però nega la tessera solo a Grillo, apparentemente per paura che il timone vada proprio a lui… Ma è ovvio che l’iscrizione non dev’essere mai “costruita a tavolino”. E invece, in Calabria come in Campania o altrove, troppo spesso far parte di un partito, anche dei Democratici, sembra sia soltanto una “maglietta” da indossare per propria convenienza. E, ovviamente, da togliere appena fa un po’ caldo>.

(QUATTRO –  fine)

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.