il Caffè di Meliadò

24 settembre 2013

Animi “in fiamme” a Palazzo Campanella

La seduta consiliare di ieri a Palazzo Campanella s’è aperta e chiusa all’insegna di due distinti scontri verbali alquanto accesi e pregni di qualche significato.

Prima UNOOOOOOOOOOOOOOoccasione, in pieni “preliminari” di sessione d’aula: le due surroghe con cui l’Assemblea di ieri s’è aperta. L’ex segretario vibonese dell’Udc e vicesindaco di Vibo Valentia Salvatore Bulzomì (nella foto a sinistra, festeggiato al formale insediamento dal consigliere lametino del Pdl Mario Magno e dal collega di partito Gianluca Gallo) ha avvicendato l’ex assessore regionale al Lavoro Francescantonio Stillitani, da poco polemicamente dimessosi anche da consigliere regionale per la pretesa inutilità dell’incarico e la vacuità – sempre per Stillitani – delle politiche possibili in seno all’istituzione regionale. E anche l’ex assessore regionale ai Trasporti Aurelio Chizzoniti, primo dei non eletti per la lista “Insieme per la Calabria”, è tornato sugli scranni di Palazzo Campanella per via della nuova misura cautelare (divieto di soggiorno sul territorio regionale) disposto nelle scorse settimane su input della Procura distrettuale di Reggio Calabria ai danni di Antonio Rappoccio (che, dunque, tornato in sella neanche ha fatto in tempo a dimettersi come aveva prima annunciato e poi semi-smentito).

Giusto la surroga (temporanea) di Chizzoniti rispetto a Rappoccio, però, è stata scaturigine di un momento di tensione: il già presidente del Consiglio comunale, appena rientrato tra i banchi che l’hanno visto anche presidente della Commissione consiliare di Vigilianza, ha chiesto al presidente dell’Assemblea Franco Talarico di poter parlare a margine del suo reinsediamento in Consiglio.  Talarico però gli ha negato l’intervento: «La prassi dchiz2el Consiglio regionale non lo prevede. Altri consiglieri, debuttando in aula, avrebbero voluto dire qualche parola d’esordio ma non l’hanno potuto fare proprio per questo motivo: neanche lei, la volta scorsa, l’ha fatto».

Questa volta, però, Aurelio Chizzoniti (vedi foto) avrebbe voluto parlare “a tutti i costi”, perché di mezzo c’era la ritenuta scorrettezza nei comportamenti di una parte della magistratura reggina nel controverso “caso Rappoccio”. «Esiste uno “scandalo Giustizia”: io vorrei dirlo ora e qui – è sbottato l’avvocato reggino, rivolgendosi allo stesso Talarico –, se lei non me lo consente lo dirò domani in conferenza stampa, e mi parrebbe meno corretto». Ma il politically correct durava davvero pochi secondi: «Siamo a un passo dalla dittatura, se si perquisiscono le redazioni dei giornali (evidente il tacito riferimento a quanto accaduto alla redazione reggina dell’Ora della Calabria, ndb) e s’impedisce ai consiglieri regionali d’intervenire! Le storture della Giustizia in questa città – ha protestato con veemenza, urlando, l’ex presidente della Vigilanza –. Scarcerare le persone perché hanno o meno l’uso di una segreteria politica è una porcheria, e io lo devo denunciare in questa sede».  Lamentele cui il presidente Talarico, a quel punto, s’è limitato a replicare facendo cenno alle possibili tutele giuridiche in capo a Chizzoniti «per poter eccepire ogni errato comportamento sul fronte delle regole».

(more…)

Annunci

5 giugno 2013

Comune di Reggio: la Peo, Arena, la Commissione e i sindacati (1)

La Triplice sindacale? Non è «mai stata lontana dai lavoratori». Parola dei vertici della Funzione pubblica di Cgil (il segretariotripl regionale Alfredo Iorno), Cisl (il segretario provinciale Luciana Giordano) e Uil (il segretario provinciale Nuccio Azzarà), che proprio nella sede cislina hanno incontrato i giornalisti.

La data non può ingannare: è il giorno dopo il deposito del reclamo contro l’ordinanza del Giudice del lavoro reggino Patrizia Morabito, che in veste monocratica ha accolto il ricorso d’urgenza (ex art. 700 cpc) da parte della Commissione straordinaria guidata dal prefetto Vincenzo Panico per procedere all’immediata sospensione (delle qualifiche e) degli emolumenti collegati all’erogazione di cinque progressioni economiche orizzontali dal ’99 a oggi a un’ampia platea delle maestranze di Palazzo San Giorgio.

Questo, prendendo in esame i lavoratori di categoria D, porterebbe a una decurtazione media di 350 euro al mese.

Il fatto, ha argomentato la Giordano, è che le somme in questione sono «frutto dell’autonomia negoziale che, per quanto ci riguarda, non dev’essere messa in discussione». E, cosa non da poco, la segretaria Cisl-Fps ha puntato l’indice anche contro Palazzo del Governo: «Avevamo chiesto alla Prefettura la procedura di raffreddamento dei conflitti, che non è mai stata attivata», e per questo è stato proclamato lo sciopero dell’11 giugno. (Un’astensione dal lavoro su cui non c’è alcuna «rincorsa», ha sottolineato tra l’altro Azzarà, perché fin dall’inizio le parti sociali hanno sposato «convintamente» la causa dei dipendenti del Comune reggino).

(more…)

29 marzo 2011

Dipietristi e “cartello a 4” hanno ucciso l’Uomo Ragno, anzi no: il centrosinistra. La polizia piddina brancola nel buio

Sì, a Reggio Calabria il centrosinistra è morto.

Evvabbè.

Stiamo già pensando a un epitaffio commovente ma non troppo, quando riflettiamo a voce alta, per quanto soli: non si può certo dire che questo decesso sia sorprendente. Ma si può sicuramente dire che non di morte naturale si tratta, ma di assassinio.

Tra i “soliti sospetti” c’è un partito che da sempre fa parte del centrosinistra “allargato”. Il partito che su scala nazionale non vuole contaminazioni con robaccia (?) tipo Gianfranco Fini o Pierferdinando Casini. Insomma, Italia dei valori.

Sì, proprio i dipietristi che in pieno congresso cittadino “incoronavano” per primi, per primi!, con scroscianti applausi, la candidatura di Massimo Canale, beh, adesso la rimpiazzano – nemesi storica?! – esattamente con chi fu eletto coordinatore cittadino di Reggio Calabria in quel congresso: Aldo De Caridi (vedi foto).

 

(more…)

Blog su WordPress.com.