il Caffè di Meliadò

10 gennaio 2013

LETTERA A PD E SEL. 2 / Calabria “colonizzatrice”?

(segue)

…a parti invertite, la parlarosamentare cosentina uscente del Pd Rosa Calipari candidata in Lombardia (posizione n. 6 della circoscrizione elettorale Lombardia III per la Camera dei deputati). E la pasionaria antimafia reggina di Sel Celeste Costantino (foto a destra), vicinissima a Niccelehi Vendola e oggi capolista in Piemonte per Sinistra ecologia e libertà nella corsa per Montecitorio?

Fatemi capire: al Nord debbono essere contenti, allora? O il Piemonte e la Lombardia sono “colonizzati” dalla Calabria? (immagine forte, eh?).

O, per citare casi non-calabresi, la Campania “colonizzata” da un capolista “pesante” come l’ex leader della Cgil Guglielmo Epifani? O la Campania in cui viene bellamente “paracadutato” (seconda piazza per Palazzo Madama) il romagnolo Sergio Zavoli, peraltro già straordinario giornalista e notevole uomo apicale Rai? O il siculo-ligure Ignazio Marino capolista per il Senato in Piemonte va meglio?

(2 – continua)

Annunci

9 gennaio 2013

LETTERA A PD E SEL. 1 / Dai derogati a Nimby

Quando siamo allo showdown delle candidature, il centrosinistra (cioè Pd e Sel, tirando fuori la simpatica “invenzione” di un Centro democratico di per sé inesistente, se non per motivi elettorali) deve fare i conti con se stesso.dat

Nel Partito democratico si sa benissimo quale marasma sia accaduto per la candidatura alle primarie calabresi (nella “circoscrizione” di Reggio Calabria) del presidente nazionale del partito, Rosy Bindi, una dei 10 “derogati”. Anche se è commissario regionale dèmocrat (da non troppo tempo, in verità…) anche il campano Alfredo D’Attorre candidato alle primarie nel Catanzarese ha lasciato molti attoniti, per quanto non sorpresi.

Mancano però diversi dettagli.

(more…)

9 maggio 2012

Il Pd calabrese? “Fuori dalla vostra regione, ha un’immagine penosa”, ammette Pierluigi Castagnetti

ImageLe parole sul Pd calabrese di un politico navigatissimo del medesimo partito, con incarichi molto significativi rivestiti a livello partitico e istituzionale nel passato anche recente, hanno innegabilmente il sapore di un “telegramma” al commissario regionale Alfredo D’Attorre…

Intervenendo all’inaugurazione della sede del circolo “Reggio Nord” dei Giovani democratici di Reggio Calabria, il deputato piddino ed ex vicepresidente della Camera Pierluigi Castagnetti, già leader della Margherita che fu, non ha fatto sconti alle “colonne” dèmocrat di Calabria: «Fuori dalla Calabria, il Partito democratico calabrese ha un’immagine penosa»,ha ammesso non senza rattristarsi uno dei massimi esponenti dèmocrat del Paese.

«E’ chiaro, per me è molto doloroso dirlo; figurarsi!, al tempo Pierluigi Bersani mi aveva perfino chiesto di fare il commissario del Pd in Calabria prima di Adriano Musi… e poi, conosco bene i tanti uomini e donne che, dentro il Partito democratico come nelle assise rappresentative lavorano onestamente e duramente. Però bisogna ammetterlo, è la verità: oltrePollino, l’immagine del partito calabrese è disastrosa. So che il commissario regionale Alfredo D’Attorre ci sta lavorando; ma so anche che l’opera non richiederà poco tempo».

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.