il Caffè di Meliadò

17 novembre 2013

E’ nato il federalismo carcerario

Il vicecapogrBuonanno Gianlucauppo alla Camera della Lega Nord, Gianluca Buonanno (tipico cognome veneto… E infatti, la sua famiglia è originaria della Puglia), sulle politiche antimafia da perseguire ha le idee ben chiare.

«Invece di costringere all’anonimato e al trasferimento valorosi giudici antimafia, dovremmo costrGuantanamouire una Guantanamo italiana nella terra d’origine dei boss, al Sud, in Sicilia, dove rinchiudere Totò Riina e tutti quei mafiosi condannati a molti ergastoli che ancòra, nonostante siano dietro le sbarre, riescono a condizionare la vita del Paese».

L’idea di Buonanno, esposta dopo le minacce del “capo dei corleonesi” al pm di Palermo Nino Di Matteo, è cioè che non solo i soldi dei veneti debbano restare in Veneto, ma anche i criminali calabresi in Calabria: non solo quando operano vilmente con la ‘ndrangheta, ma pure da detenuti.
Un “federalismo carcerario” che fa pensare.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: